L’espressione massima di uno strumento: Niccolo Paganini

cb947cf7d0565797442d0537b9713ef0.jpg

violin20hand20istock000000278306l2.jpg

Costretto dal padre a suonare, fin da piccolissimo, anche dieci ore al giorno chiuso in cantina, a 10 anni viene colto da una forma violenta di morbillo che lo “uccide”, era già avvolto nel sudario per essere sepolto, quando si alza all’improvviso. Non molto alto ma magrissimo, una magrezza resa ancora più eccessiva dagli abiti neri e larghi che indossa, pallido, con il naso ad uncino, la bocca incavata per mancanza di denti, le guance infossate, gli occhi spiritati, capelli neri che si allargano intorno al volto, dita lunghissime, una spalla più alta dell’altra e un portamento claudicante. E’ decisamente brutto, ma le donne lo amano (“non sono bello, ma quando mi ascoltano, le donne cadono tutte ai miei piedi“). Non dimentichiamoci che siamo in pieno Romanticismo, periodo in cui la figura dell’artista cupo, maledetto, tormentato, ha una forte presa sul gentil sesso e Paganini lo incarna alla perfezione. E’, insomma, il precursore delle moderne rockstar. C’è anche un business su di lui che impazza a Vienna: guanti alla Paganini, biscotti alla Paganini, cravatte alla Paganini.

85fc98c3b7eeee936f40c66a9ed01136.jpg

96abca59b84076c722e470a63e473c98

Paganini fa di tutto per assecondare le leggende che circondano la sua persona, sopratutto da quando non è più schiavo di suo padre “quando fui veramente padrone di me stesso mi buttai a capofitto nei piaceri della vita e ne bevvi a grandi sorsate“; finisce in galera per aver sedotto una sua allieva e lì le malelingue dicono che il diavolo in persona gli sia apparso e gli abbia insegnato a suonare il violino; suona nei cimiteri di notte e nei Lazzaretti per i moribondi, è appassionato di esoterismo, gioca d’azzardo, tanto da perdere tutto quello che guadagnava, nonchè il suo prezioso Stradivari.

5eea20f5485c9a8ef02928b286ccc5fb.jpg

violin-11.jpg

Un ricco francese di nome Livon, gli prestò per un concerto, un magnifico violino di Guarneri del Gesù. L’esecuzione di Paganini fu talmente entusiasmante che alla fine del concerto Livron si precipitò sul palcoscenico, l’abbraccio e gli disse: “il Guarneri è vostro, ma ad una condizione: che lo suoni unicamente Paganini”. Nessun’altro violino si dimostrò all’altezza del Guarneri che lui affettuosamente chiamava “il mio cannone”. E con questo prezioso strumento strega le folle, commuove e “non ripete”. Nel 1818, al Teatro Carignano di Torino, il re Carlo Felice fece pregare il musicista di ripetere un brano che gli era particolarmente piaciuto; Paganini fece rispondere “Paganini non ripete” e non per arroganza, ma perchè la sua musica era improvvisata e quindi unica e anche per le ferite ripostate sui polpastrelli. La risposta gli costò due anni di espulsione dal Regno di Savoia: “I grandi non temo, gli umili non sdegno“.

40e1902b2abb22369239239e03418ac9.jpg

d55096aadba290f69d8a48781f8b2fdd.jpg

In realtà le sue strane caratteristiche fisiche, che hanno permesso a Paganini di raggiungere risultati eccezionali, non hanno nulla di demoniaco; oggi si pensa che l’artista soffrisse diimperlatosi cutanea, una rara malattia del tessuto connettivo di cui esiste una variante caratterizzata da articolazioni iper-mobili, lasse, instabili, e tessuti abnormemente elastici. L’eccessiva mobilità articolare può essere causa di ipotonia muscolare e dolori articolari diffusi nel corpo; una frequente complicanza è l’aneurisma dell’aorta toracica e ciò che potrebbe giustificare l’afonia di cui soffrì l’artista negli ultimi mesi di vita.

662c4e5c3a9eec3ed452a02a6e8f41cb.jpg

2f436aceb7127f1f498157932c7a0729.jpg

Proprio per questo motivo, non poté confessarsi in fin di vita e alla sua morte a soli 58 anni, a Nizza, alle ore 17 del 27 maggio 1840, fu dichiarato empio dal vescovo di Nizza mons. Galvani, non ebbe né funerali né sepoltura in terra consacrata. Soltanto il 9 Novembre 1876 i resti di Paganini riceveranno una degna sepoltura a Parma.

0062559c4395cdcd467b98649710051f.jpg

a11784cd18c2e8a07e9a2e6fc770fda3.jpg

Il magico mondo della musica continua, se ti fa piacere, qui sotto, ti lascio dei link per addentrarti ancora di più in questo mondo così straordinario e ricco, non vedo l’ora di vederti là , mi fa piacere vederti da queste parti.

 

 

https://www.youtube/channel/uc5tepckkmcpdzsk07tolfa

 

 

 

https://www.instagram.com/patzarguello/

Fonte

http://www.sangiovannirotondonet.it/?p=24127

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...